ECHI DI TRINCEA

Scomegna Edizioni Musicali
65,00
Trad. / arr. Fulvio CREUX

Piccola fantasia su temi della Grande Guerra
La prima guerra mondiale, comunemente ricordata come la “Grande Guerra”, fu un evento di [...]

€ 65,00

✓ Disponibilità immediata

Dettagli

Informazioni aggiuntive

Contiene Il Testamento del Capitano, Sul ponte di Bassano, Ta-pum, La tradotta, Sul cappello che noi portiamo
Codice Prezzo SC16
Compositore Trad.
Arrangiatore Fulvio CREUX
Editore Scomegna Edizioni Musicali
Difficoltà 3
Durata 4'25''
Formazione Concert Band
Formato Partitura e parti formato concerto
Info Partitura + parti
Registrato sul CD CINECITTÀ
Descrizione

Dettagli

La prima guerra mondiale, comunemente ricordata come la “Grande Guerra”, fu un evento di importanza e rilievo unici nella storia dell’umanità. Combattuta soprattutto sul fronte italo-austriaco, vide stazionare lungamente in trincea i soldati di entrambe i fronti. Fu in questo periodo che si sviluppò un ampio numero di canti, alcuni presi a prestito da antichi motivi, altri frutto di una spontanea tradizione popolare: caratteristiche comuni di questi canti sono i sentimenti di tristezza, di nostalgia per l’amata lontana, di libagione, ma anche di eroismo ed incitamento al comune ideale patriottico. Questa piccola fantasia su musiche della “grande guerra” presenta in una elaborazione per organico bandistico moderno alcuni motivi tra i più noti e significativi mirando, piuttosto che a realizzare un semplice “canzoniere”, a creare una situazione emotiva che riporti al clima dell’epoca.

Il brano inizia in una collocazione espressiva simile a quella della sinfonia dal Nabucco di Verdi. Segue, (battuta 9) un tema calato in un’atmosfera ampia e meditativa, che lascia subito spazio (battuta 15 e seguenti) al tema de “Il testamento del Capitano”; intanto era comparso (battuta 13) un frammento tematico di “Sul ponte di Bassano”, frammento che costituisce una sorta di presenza continua nell’ambito della composizione (vedasi battute 34, 81), fino a sfociare nel “Grandioso” finale di battuta 84, dove il canto trova la sua maestosa completezza. La parte centrale si basa su un altro celebre canto, “Ta-pum”, quì presentato – per esigenze di varietà nell’economia generale della composizione – in tempo di valzer, quasi a ricreare (in particolare alle battute 54 e seguenti) la sensazione di un organetto di barberia. A fare da transizione verso la conclusione troviamo (battuta 77 e seguenti) una citazione de “La tradotta”, mentre la parte conclusiva di un altro canto (“Sul cappello che noi portiamo”) funge da “coda” in due circostanze: a battuta 28 e 94. La fantasia si conclude con una cadenza plagale ancora basata sull’inciso iniziale de “Sul ponte di Bassano”.

Video Partitura
Recensioni

Recensioni utenti

2 Recensioni "ECHI DI TRINCEA"

conforme alle aspettative
Pierangelo 19 marzo 2018
Valutazione

Brano richiesto conforme alle aspettative. Arrivato senza problemi e nei tempi previsti. Grazie!

.
CARLO ZUCCARATO 02 febbraio 2018
Valutazione

UN BUON ARRANGIAMENTO VERAMENTE

Scrivi la tua recensione

Come consideri questo prodotto? *

  1
star
2
stars
3
stars
4
stars
5
stars
Valutazione
Prodotti Consigliati

Sulla base della tua scelta, potresti essere interessato ai seguenti articoli: